Terrazza

L’intervento su terrazze e balconi, a meno di alcune peculiarità dovute al caso, è quasi sempre un intervento poco invasivo dal punto di vista della tranquillità degli abitanti dello stabile, trattandosi comunque di una zona esterna.Lo scopo principale è quello di rendere la tua terrazza un luogo sicuro e confortevole.

Dal punto di vista pratico una buona riuscita dell’intervento comporta attenzione ai particolari per quanto riguarda i materiali utilizzati, ma soprattutto delle pendenze realizzate per far fluire l’acqua piovana.

Analizziamo le fasi principali della procedura di ristrutturazione della terrazza:
  1. Demolizione pavimento
  2. Verifica delle condizioni del massetto ed eventuale demolizione dello stesso
  3. Posa della guaina bi-componente (miscela A/B) e della rete in fibra per impermealizzare la zona. Questa posa può avvenire anche sopra il vecchio massetto se le condizioni dello stesso sono accettabili
  4. Posa in opera del pavimento: il mio consiglio professionale è quello di scegliere sempre mattonelle di superficie non superiore a 25×25 cm, in quanto l’eventuale presenza di pendenze a ventaglio causerebbe facilmente effetto spessore o gradino su un pavimento di dimensioni superiori
  5. Rifinitura della fuga: rispetto agli interni c’è da considerare che questa zona risente delle condizioni atmosferiche, quindi bisogna prevedere una fuga di almeno 3 mm oltre ad una maggiore distanza di tolleranza lato muro, permettendo così ai materiali di dilatarsi senza che ciò comporti il sollevamento delle mattonelle
  6. Pulizia del pavimento con apposito macchinario professionale a spazzola, che rilascia contestualmente soluzioni appositamente escogitate per aumentare la resa visiva delle piastrelle
  7. Pulizia manuale mediante scopa e consegna della zona
Indietro
Ringhiera dopo l'intervento Veranda Pavimento dopo l'intervnento Gradini dopo l'intervento Area relax