Tetto

Trattasi della parte di abitazione maggiormente esposta ai fenomeni atmosferici ed ai picchi di temperatura caldi e freddi. I costi ed i tempi di un intervento su questa parte variano generalmente in base alla tipologia ed alla forma del tetto.

Sebbene non vi sia un lasso di tempo ben definito di “usura” dei materiali che compongono un tetto (si pensi ad esempio alle tegole) è tuttavia certo che prima o poi inesorabilmente questi vadano manutenuti o sostituiti. Nel momento in cui questo tipo di intervento dovesse venire a mancare, il rischio maggiore è che infiltrazioni d’acqua o umidità in generale vadano ad intaccare gli strati inferiori, creando danni molto maggiori sia in termini economici che di quieto vivere.

L’approccio più usato nella realizzazione/ristrutturazione di un tetto funzionale, è il cosiddetto tetto ventilato. Analizziamo le fasi di lavoro tipiche del caso:
  1. Installazione e messa in sicurezza del ponteggio secondo le vigenti norme di legge;
  2. Rimozione delle tegole: se l’operazione in corso è una ristrutturazione, le tegole devono necessariamente essere sostituite, in quanto il tempo e i fenomeni atmosferici avranno sicuramente compromesso la resistenza e la funzionalità del materiale. Caso a parte rappresentano le “tegole siciliane”, che essendo per costruzione disposte su due livelli a facciata speculare, consentono di riutilizzare gli elementi dello strato inferiore, che prenderanno il posto di quelle dello strato superiore in fase di posa finale;
  3. Rimozione assi di sostegno e valutazione dello stato della mantovana: in base alle condizioni rilevate, si effettua un intervento di restaurazione o i di totale rifacimento;
  4. Installazione nuove travi in proporzione alle dimensioni del tetto. I materiali certamente più usato è il legno grezzo per la sua economicità, ma il consiglio professionale in questo caso è quello di usare, se il budget lo permette, legno lamellare, che essendo infornato in fase di produzione garantisce l’assenza di tarli (garanzia che viene meno nel caso del legno grezzo);
  5. Installazione tavole di sostegno: fattori preponderanti per la scelta del tipo di legname in questo caso sono economicità ed estetica. Se il tetto è visibile dall’interno dell’abitazione è preferibile scegliere tavole lamellari laccate;
  6. Coibentazione dell’intera superficie mediante l’utilizzo di materiale termoisolante pressato. La tecnica da utilizzare per il montaggio è quella di alternare i pannelli evitando il la posa “a sorella” in quanto questo tipo di approccio crea una linea continua di vuoto che potrebbe causare infiltrazioni nel corso del tempo;
  7. Posa dei listelli in verticale, esattamente sopra le travi precedentemente installate. È mio personale consiglio professionale l’utilizzo di viti autofilettanti per il fissaggio dei listelli, in quanto hanno una maggiore tenuta e permettono un eventuale smontaggio agevole;
  8. Stesura del telo impermeabile, traspirante e deumidificante, partendo dalla gronda fino ad arrivare al colmo;
  9. Posa dei listelli orizzontali, binario per le tegole. In questo caso anche l’utilizzo di chiodi in lega è accettabile, in quanto a questo livello un’eventuale rimozione è più agevole;
  10. Posa delle tegole regolari: è consigliabile utilizzare a distanze regolari uniformi qualche tegola ventilata, che pur avendo un costo notoriamente maggiore, garantiscono un ottima resa;
  11. Posa delle tegole nel colmo: il fissaggio può essere fatto in cemento o malta, ma ciò tenderebbe ad occludere il normale ricircolo dell’aria previsto da un tetto ventilato, ragione per cui è sempre consigliabile utilizzare guaina isolante e traspirante, mantenendo quindi un buono sfogo sul colmo, punto di massima ventilazione.
  12. Un ultimo step opzionale potrebbe essere l’installazione finale di finestre panoramiche. Queste andranno scelte ed acquistate prima dell’inizio dei lavori, in modo da permettere una costruzione del tetto funzionale alla finestra, basata su certezza di misura, avendo garanzia di un ottimo risultato.
Intervento sulla mantovana
Intervento sulla mantovana
Operazione iniziale compiuta con mantovana in cemento rinforzato e posa delle nuove travi
« 2 di 9 »